Un’altra voce cancellata dalla lista dei sogni

Quest’anno uscirà il mio primo romanzo.

Un (piccolo) editore, assolutamente free, finalmente mi ha fatto una proposta decente.

E finalmente potrò barrare un’altra voce dalla mia “lista dei sogni”.

Il primo era quello di avere un bambino, costruirmi una famiglia.

Il mio libro parla proprio di questo: di come ho realizzato il primo desiderio della lista.

Ecco uno dei motivi per cui l’idea di pubblicare il mio romanzo mi eccita e, al tempo stesso, mi fa tremare dalla paura.

Non è facile pubblicare una storia autobiografica, scoprire le proprie emozioni, i propri pensieri, anche quelli più cupi e indecenti.

Non è facile perché, si sa, in un Paese come il nostro l’argomento “infertilità” è ancora un tabù, la Medicina viene vista come un nemico e chi osa affidarsi ad essa per avere un figlio, è visto come un peccatore.

So di espormi a tante critiche, pubblicando questo romanzo. Ai pettegolezzi delle malelingue. So che in poco tempo la piccola città in cui vivo scoprirà tutti i dettagli, anche quelli più intimi, del concepimento di mio figlio, del mio PuntinoLuminoso.

Questo mi fa paura. Ma questo è anche ciò che voglio.

Sì, perché se riceverò critiche, se la gente mi parlerà alle spalle, significherà che il mio libro sarà conosciuto. E io è questo che voglio, no? E so che sarà difficile raggiungere le mani (il cuore poi, non ne parliamo) delle persone.

Essere pubblicata da un piccolo editore significa doversi fare un grande, grandissimo mazzo per farsi conoscere. Significa dover organizzare presentazioni a destra e a manca (proprio io, che, se potessi, comunicherei solo scrivendo!), contattare giornali, elemosinare recensioni, regalare copie omaggio…

Non temete, non spammerò come una dannata, non qui, almeno. Questo resterà sempre il mio nascondiglio, il mio “posto sicuro”, dove posso sfogare i miei pensieri senza metterci la faccia, né il nome reale.

Qui sfogherò le mie ansie prima di ogni presentazione, (s)parlerò dei miei ospiti, esprimerò la mia gioia e il mio sconforto… Ma non mi pubblicizzerò. Quello lo farò sulla mia pagina ufficiale, dove dovrò presentare il mio volto più accomodante e diplomatico (bleah).

p.s. Ovviamente, chi avesse interesse a leggere il mio romanzo, può contattarmi anche qui 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...