Lasciarmi amare

Per me è una gran fatica manifestare l’affetto a parole. Con il corpo, poi, non ne parliamo.

E faccio altrettanta fatica ad accettare le manifestazioni di affetto, o stima, che ricevo!

Non sono stata abituata all’amore. Sono stata però abituata a considerare me stessa una fallita, una buona a nulla. Almeno, è questo che mio padre ha sempre detto di me.

Continua a leggere “Lasciarmi amare”

Calore

Fino all’ultimo istante di lavoro, ovvero le ore 13 della Vigilia, mi sono dovuta sorbire le lamentele delle colleghe che per queste feste avrebbero dovuto ospitare mille parenti, occuparsi di fare da mangiare e pulire meticolosamente casa, per poi ritrovarsela sottosopra a causa dello scompiglio portato da tutti i bimbi – figli, nipotini, cuginetti – che li sarebbero venuti a trovare.

Ho dovuto pazientemente consolare chi mi ha confessato di essere ingrassato da inizio dicembre a causa di tutti gli aperitivi, le cene e gli apericena in compagnia degli amici.

Continua a leggere “Calore”

Ritrovarsi

Ho scritto quel messaggio due anni fa.

“Prendiamo un caffè insieme, ti va?”

Non ho mai avuto il coraggio di premere “invio”.
L’ho tenuto tra le bozze per tutto questo tempo…
Fino a ieri, quando sono riuscita finalmente a inviarlo.
La risposta, quella risposta che tanto temevo, è stata positiva.

E, così, dopo ben due anni di silenzio, ho rivisto la mia amica L.

Continua a leggere “Ritrovarsi”

La guastafeste

Quando ero bambina, amavo scappare.
Lo facevo spesso. Lo facevo per attirare l’attenzione.

Mi piaceva andare alle feste di compleanno dei miei compagni di scuola; essendo una bimba molto timida, però, dopo un po’ di tempo mi sentivo soffocare in mezzo a tutto quel rumore, quelle risate, quei giochi…
Mi sentivo fuori luogo, imbranata, come sempre. Non sono mai stata brava a destreggiarmi in situazioni dove sono costretta ad affrontare tante persone.

E, così, ad un certo punto, scappavo. Sempre. Inevitabilmente.

Continua a leggere “La guastafeste”