Di notte, sentire

A volte soffro di insonnia. E allora mi giro e rigiro nel letto, nervosamente, finché non decido di restare immobile e aspettare, speranzosa, che il sonno mo abbracci.

Spesso occorre molto tempo, e in quei lunghi minuti tendo l’orecchio e scopro che la notte, benché buia e immobile, è piena di mille rumori diversi.

Continua a leggere “Di notte, sentire”

Il mio cuore è trasparente

La maggior parte delle persone che incontro ogni giorno è capace di tenere a freno le emozioni, mascherarle, ignorarle. Di controllare le reazioni del proprio corpo.
Io, no.

La cosa che odio più di me stessa è la mia sincerità.
Sono sincera, senza volerlo.

Assorbo le emozioni come una spugna, difficilmente riesco a lasciarle andare… Quelle positive sono le prime ad evaporare, mentre l’ansia, la tristezza, la paura, restano a macinare dentro di me, ad annerirmi l’animo.
Basta guardarmi negli occhi per capire cosa provo. Mi sento perennemente nuda davanti agli altri.

Continua a leggere “Il mio cuore è trasparente”

Stupido, stupido cuore

Ieri ho rivisto mio padre.

Ci siamo parlati l’ultima volta tre anni e mezzo fa, quando l’ho incontrato per caso al supermercato.
Quella è stata l’unica volta in cui abbia visto mio figlio, il suo unico nipote, e l’ultima in cui abbia incontrato la sottoscritta…. Ovvero la sua, altrettanto unica, figlia.

Prima di allora, ci eravamo incontrati nel 2013 (di nascosto da mia madre, che è sempre stata gelosa di noi – giusto per farvi capire in che famiglia disfunzionale sono cresciuta).

Incontro che mi fece capire che avevo perso per sempre mio padre, e che non ci saremmo mai più ritrovati. Soprattutto, che a lui non interessava affatto ritrovarmi.

Ieri l’ho visto solo per un attimo, io ero in macchina e lui stava andando in bici nella direzione opposta. Non mi ha vista.
E’ cambiato tantissimo. I suoi capelli erano tutti argentati. Beh, è normale, dato che ha quasi 60 anni.

Continua a leggere “Stupido, stupido cuore”