Fallire.

Gli ultimi giorni sono stati folli, frenetici, impegnativi.

Non ho avuto un minuto di tempo libero, tra il lavoro che mi ha completamente assorbita, l’influenza, la gestione di casa e famiglia e la preparazione di un esame difficile che… Ho fallito.

Il mio primo fallimento. In ambito universitario, si intende. Nella vita ho già dato.

Ho interrotto una serie decisamente positiva; nonostante il lavoro, la famiglia, i mille impegni, posso vantarmi di avere una media alta, di cui vado fiera.

Continua a leggere “Fallire.”

Tanti auguri a noi

Sette anni fa ho scoperto che io e mio marito non possiamo avere figli.
Non in modo naturale, almeno.

Mi è sempre stato ripetuto che sono nata per errore. Che sono uno sbaglio.
Avevo due possibilità: lasciare che questa consapevolezza influenzasse e distruggesse la mia vita, o impegnarmi per trasformare la rabbia in amore, e salvarmi.

Ho scelto la seconda opzione.

Ed è per questo che ho sempre desiderato diventare madre. Desideravo poter amare un figlio come io non ero mai stata amata.
La scoperta dell’infertilità è stato l’ennesimo colpo basso da parte di un destino che mi aveva già rubato tanto, troppo…

Continua a leggere “Tanti auguri a noi”

Cosa ci faccio qui?

Le giornate scorrono veloci, spesso non c’è neanche il tempo di prendere fiato.

La mia testa, però, lavora in continuazione, non si ferma mai; i miei pensieri, le mie paure, le mie emozioni, formano un vortice inarrestabile.

Nel bel mezzo di una giornata incasinata, mentre corro da una parte all’altra per adempiere ai miei doveri, accontentare tutti e nel frattempo cercare di restare in equilibrio e mantenere una certa sanità mentale…

A volte mi fermo. Mi ascolto. E mi sento.

E mi chiedo… “Ma come sono finita qui? È davvero questa la mia vita?”

Continua a leggere “Cosa ci faccio qui?”

La valigia in un angolo, i sogni nel cassetto

Da anni tengo una valigia, un piccolo trolley, in un angolo della camera.

Non è che viaggi così spesso da doverla tenere sempre pronta all’uso, purtroppo, però è lì, e non mi va di spostarla.

Ogni sera, prima di andare a letto, il mio sguardo si posa su quel trolley. E ogni sera sogno di riempirlo e di scappare via. Lontano. Lontano.

Continua a leggere “La valigia in un angolo, i sogni nel cassetto”

Un’estranea in questo mondo

Mi sono sempre sentita un’estranea in questo mondo.
Già quando ero solo una bambina mi ponevo domande che non sfioravano neppure le menti dei miei coetanei (e credo di poter dire che oggi nulla è cambiato).

Mi chiedevo chi fossi. Chi volessi essere. Che scopo avesse la mia vita. Se avesse senso cercarne il senso (scusate il gioco di parole), o se fosse un’inutile perdita di tempo.

Non mi sono mai sentita al mio posto, neppure nella mia famiglia. Soprattutto nella mia famiglia.

Mi hanno sempre fatta sentire sbagliata, diversa, inadatta.
Crescendo mi sono sentita ripetere mille volte che sono venuta al mondo per errore. Continua a leggere “Un’estranea in questo mondo”